Le frazioni del sole

Dalle sorridenti colline di Cellio ad un borgo d’altri tempi, Guardabosone. Un itinerario articolato tra i monti e le colline di quella Valsesia contadina e autentica che conquisterà per i suoi paesaggi speciali, immersi tra folti boschi ed esposta su numerosi belvederi panoramici..

  • Reviews 0 Reviews
    0/5
  • A chi è rivolto
      Tutti
    • Grado di difficoltà Turistico (T)
      2/8
    • Numero di persone Fino a 25 persone
      30
    Le frazioni del sole in pillole

    Dalle colline di Cellio….

    La posizione particolarmente felice delle “frazioni del sole” in passato ha favorito l’insediamento umano e lo svolgersi delle attività rurali e di campagna. In queste zone si gode di panorami unici che abbracciano l’arco alpino fino alla pianura dei laghi del Cusio – Ossola. I paesini sono immersi tra le colline punteggiate da odorosi e silenziosi boschi di faggio e castagno.
    La visita della prima parte della giornata si snoda principalmente tra Cellio e Zuccaro. Mete principali sono:
    – la chiesa parrocchiale di Cellio, dedicata a san Lorenzo: eretta su un poggio panoramico, è nota per la torre campanaria più alta della Valsesia (ben 56 metri) la seconda per altezza nella Diocesi di Novara. Nel Cinquecento fu edificata la prima chiesa, poi ampliata nel corso del Seicento su disegno di Pellegrino Tibaldi. Al suo interno conserva una impressionante galleria di opere, tra le quali spiccano per fama quelle settecentesche realizzate dal maestro Lorenzo Peracino, nativo di questa terra, una tela dipinta da Tanzio (San Carlo porta in processione il Sacro Chiodo), splendide lavorazioni in stucco e ancone lignee. Al termine, passeggiata in paese fino alla chiesina di san Jaccu Pittu in località Bosco, oggi completamente isolato ma posizionato su antiche vie di transito un tempo molto trafficate e immerse in splendidi boschi. Al suo interno si trovano ancora alcuni affreschi quattrocenteschi.
    – la chiesa parrocchiale di Zuccaro dedicata ai santi Andrea e Gaudenzio: le origini risalgono al 1050 ma fu rimaneggiata fino ad assumere le forme attuali nel Cinquecento;  la facciata ha un grande affresco con il Giudizio Universale e l’interno è riccamente decorato con affreschi e preziosi altari lignei.

    …ad un borgo d’altri tempi: Guardabosone

    L’itinerario continua verso un bellissimo borgo medievale fortificato risalente almeno all’XI secolo: Guardabosone, a metà strada tra Valsesia e Valsessera, importante via di collegamento tra il Ducato di Savoia e di Milano. Le attività principali erano legate a commercio, artigianato, agricoltura, pastorizia. Di questo passato Guardabosone conserva molte tracce che si possono ancora osservare tra i bei cortili del centro. Chiusi tra terrapieni e massicce mura, erano dotati di pozzo e forse di forno per garantire una certa autosufficienza in caso di assedio.
    Il tour attraverserà anche alcuni punti d’interesse artistico come la chiesa parrocchiale di sant’Agata, ormai di foggia seicentesca, e impreziosita all’interno da affreschi ed opere lignee scenografiche e, all’esterno, dalla famosa meridiana del Mazzietti, una sorta di doppio orologio. Passeggiando tra le viuzze si noterà la cappella Vietti, utilizzata come lazzaretto. Non potrà mancare la visita in qualcuno dei cinque musei del paese: quello di arte sacra, con la raccolta di arredi ed opere provenienti dalla chiesa parrocchiale e da oratori della zona, o quelli dedicati agli antichi mestieri agricoli, dove sono esposti con amore e perizia una serie di attrezzi e utensili oltre a macine, carri e tanto altro.

    Cosa comprende e cosa è escluso dal tour
    Cosa è compreso nel tour?Voci incluse nel costo del prezzo del tour.
    • Visita guidata con Guida Turistica / Escursionistica abilitata
    • Assicurazione
    • Materiali illustrativi del territorio
    • Coupon e Gift Card per visite successive
    Cosa non è compreso nel tour?Voci escluse dal costo del prezzo del tour.
    • Pranzo / Cena
    • Biglietto parcheggio auto dove previsto
    • Offerte libere alle chiese
    • Ingresso ai Musei (offerta libera)

    Nelle aree dedicate e che saranno indicate in fase di prenotazione del tour, con la definizione del luogo di incontro con la Guida.

    Sarebbe ottimale prenotare l’itinerario almeno un paio di settimane prima della data fissata.

    La visita con itinerario Cellio – Guardabosone si può fare tutto l’anno tranne in caso di meteo particolarmente sfavorevole.
    In fase di prenotazione del tour, con la comunicazione della data richiesta, sarà definita la fattibilità dell’itinerario.

    Il tour prenotato e cancellato a meno di una settimana dalla data fissata viene corrisposto del 50%.
    Il tour prenotato e cancellato a meno di due giorni dalla data fissata viene corrisposto per intero.

    Valutazione complessiva
    0/5

    HAI PARTECIPATO AL TOUR? Lascia un tuo commento sull'esperienza avuta

    error: Content is protected !!
    X